NORVEGIA – ISOLE LOFOTEN 2016

NORVEGIA – ISOLE LOFOTEN 2016

DAY 1

Strandtinden 1076 mt, Lødingen (Nordland) attraversata da sud a nord.

Itinerario

Dopo l’arrivo al nostro hotel Sandtorgholmen, il primo giorno dopo una cena di pesce fresco e su vista fiordo e aurora boreale, scegliamo la gita per il nostro primo giorno da sciatori (e non ghiacciatori, Ndr) in Norvegia. Cerchiamo di capire che cime ci circondano e  che nome hanno. L’indomani a vista ci affascina un monte che si trova poco lontano dall’hotel. Cerchiamo il nome e  proviamo a trovare info sul web con scarso successo, tuttavia esce una gita con i contro fiocchi. Partiamo dal versante sud di questo monte dove la dolce salita, indicata per una partenza soft, ci porta alla sella dove con  un tratto di cresta, con sci in spalla, ci permette di raggiungere la vetta dopo uno sviluppo di circa 10 km e 1100 metri di dislivello. Raggiunto il punto più altro  decidiamo per una discesa più ripida dal versante opposto di salita, cosi facendo compiamo una autentica attraversata. Si rileva un ottima scelta sotto tutti i punti di vista. La neve si presenta trasformata a tratti vellutata riportata dal vento. Al termine della discesa  troviamo un passaggio per riportarci all’auto al punto di partenza. (BSA)

DAY 2

Svolvaer

Il meteo non delle migliori ci costringe ad un giorno di pausa, ma lo utilizziamo per il trasferimento a Svolvaer dove alloggiamo in un tipica Rorbu, casette dove storicamente alloggiavano i pescatori. Dopo le spese ci dirigiamo verso  un tipico paesino di pescatori, Henningsvaer. Dopo aver cercato i vari punti di partenza delle gite papabili visto le condizione di innevamento (un po’ scarse) ci congediamo speranzosi che il domani presenti una giornata di sole.

 

DAY 3

Rundfjellet 803 m ,  attraversata da est a nord

Gita

Finalmente di nuovo con gli sci ai piedi!! Si parte… già avevamo intuito che anche qui potevamo dare un tocco di qualità creando la salita da un versante e la discesa da un altro. La salita “classica” ricalca per lo più il sentiero estivo, noi abbandoniamo quest’ultimo per raggiungere la nostra vetta da una prima parte ripida da est per poi proseguire lungo una larga cresta che porta alla cima. Da qui decidiamo di scendere dal versante nord, sperando di trovare una condizione di neve più appagante viste le alte temperature e la pioggia del giorno precedente. La scelta è azzeccata, sciamo su perfetto firn i primi 600 metri e su moquette nel tratto finale di bosco. La vista panoramica dalla cima è guastata da una nuvola fantozziana a che avvolge gli ultimi cento metri. Solo all’arrivo finale la cima si mostra ai nostri occhi sgombra da nuvole.

Ormai abituati a l’auto stop ci facciamo riportare dagli ospitali norvegesi al punto dove avevamo lasciato l’auto. Anche questo giro ci mostra un meraviglioso paesaggio in fase di mutamento da una stagione poco nevosa ad una primavera alle porte. Consigliatissima la rotta percorsa da noi sia per la qualità di salita che i pendii di discesa. (BSA)

 

DAY 4

Geitgallien 1085 m ,  salita da ovest e discesa da sud

Gps gait

Itinerario eccezionale che presenta un impegno su tutti i fronti oggi. Dalla salita spallando gli sci per circa trecento metri passando per un piccolo canale . Da qui risaliamo il vallone centrale puntando più in alto per goderci qualche curva prima di piegare sulla via di salita oggi affollata. A causa di un piccolo disguido -volo epocale in salita su neve dura mi fa perdere una centinai di metri percorsi- decido di abbandonare l’idea e tornare su i nostri passi. Risaliamo al colle dove togliamo gli sci e percorriamo gli ultimi cento metri per raggiungere la vetta con picca e ramponi. La prima parte di discesa è complessa, Andrea riesce a scendere già dalla vetta, io abbandono l’idea per i primi metri per poi proseguire con gli sci. La parte iniziale dal colle per entrare poi nel canalone sud è ghiacciato e impegnativo. Nel canalone sud la neve è pesante e la discesa risulta comunque faticosa ma non difficile nonostante l’impegno della sua pendenza. (OSA+).

Raggiungere la spiaggia non ha prezzo!!! Fantastico!!

Questa foto costa un saccoooooooo!!! Andrea Pay IT!

_1090336

_1090398

DAY 5

Torskmannen 740 m – 755 m da sud-est

gita

Classico itinerario di salita e di discesa ci ha visti godere dell’ultima uscita di questo viaggio. Oggi non troppo impegnativo, ma non per questo remunerativo. Le gambe iniziano a farsi sentire dopo alcuni giorni intensi. La partenza da subito con gli sci ai piedi è sempre appagante. In questa gita vi è la possibilità di concatenare anche il Breidtinden vetta molto vicina. Noi abbiamo preferito scendere per poi fare i turisti e visitare le restanti isole fino al punto più remoto di Å.(MS)

 

I PROTAGONISTI

MASSIMO “il Ciccio Barretta”

ANDREA “il Professorone Iphone”

 

CLAUDIO ” il Brontolo”

 

l’ultimo e sempre presente ….

 

Logistica :

Malpensa- Francoforte / Francoforte-Oslo / Oslo – Evenes (Harstad)

Noleggio auto Avis

Alloggi :

http://www.sandtorgholmen.no/

http://svinoya.no/

Grazie ad Andrea e Claudio per la bellissima condivisione di un viaggio incredibile.

Considerazione personale:

Avventura che personalmente ritengo riuscita al cento per cento, considerando il luogo , la difficoltà e l’impegno degli itinerari seguiti.C’è da tener conto che nel periodo “invernale” la meteo da queste parti la fa da padrone. Ci riteniamo fortunati se abbiamo trovato due giorni di mal tempo i quali ci hanno permesso il trasferimento in andata e il trasferimento del ritorno con grande respiro. Le montagne della zona si presentano, nonostante la bassa quota,  molto aspre e severe. La loro conformazione permette anche salite in stile alpinistico di goulotte o cascate con accessi complessi.

Luogo da mantenere attivo in quelli da rivisitare!!

 

 

 

 

 

 

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: