Cima Tosa – Canalone Neri

La storia di un Neri spruzzato di bianco

Oggi veramente una giornata intensa ed atletica. Siamo stati accompagnati da sole, neve, pioggia , grandine, nubi nere che parevan incavolate con il mondo , nebbia e tanta tanta neve da battere, iniziando dalla base del Canalone con 15 cm di fresca fin su in vetta dove da battere erano 35 o giù di li.

Grande salita d’ambiente alpino condivisa con Simone, che alle sue prime armi si è difeso egregiamente!

Partiti dal bivacco invernale del Brentei siamo usciti in vetta baciati dal sole e con un panorama da favola.

Oggi abbiamo imparato a battere veramente tanta neve , fino al Rif, Pedrotti non ci ha dato scampo, abbiamo sentito il “Ginocchio” innervosito dopo le prime tre picozzate, penso che il tonfo echeggi ancor in quel ormai lontano canalone….(che strizza)…Trovare la via di discesa è stata un impresa non da poco, con la presenza di neve nubi basse non è stato facile individuare le calate, ma alla fine il the offerto dalla rifugista del Pedrotti con i biscotti alla Romana non hanno avuto prezzo!!(Un grazie per l’accoglienza )

Una salita che da tempo volevo ripetere e fatta in questo modo “all inclusive” mi lascerà dei ricordi per lungo tempo. Un grazie al Simone che si è messo  in gioco alla grande!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci